NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Domenica in Tour: lungo la Martesana godendoci la primavera

Un'altra domenica in compagnia coi pattini ai piedi da archiviare tra le cose belle fatte!

Dopo la Casarile-Certosa di Pavia, questa domenica abbiamo cambiato Naviglio e ci siamo spostati ad est di Milano, per percorrere il primo tratto della Martesana, conosciuta anche come Naviglio piccolo.

partenza

 

Un po' di storia

Nasce a Trezzo sull’Adda e termina la sua corsa, 38 km dopo, a Milano. Colui che intraprese la costruzione fu Francesco Sforza nel 1475 per permettere, lungo la via, “a macine, torchi d’olio, filatoi e cartiere di muoversi“.

Viene portato a termine in soli tre anni di lavori collegando così Milano all’Adda, al lago di Como e quindi con il Nord d’Europa, insomma un progetto faraonico per quel tempo. In epoca barocca, grazie alla navigabilità fu un fiorire di ville signorili lungo il suo corso, perchè potevano godere della comodità del viaggio via acqua e controllare agevolmente le terre di proprietà.

Martesana

La nostra domenica di primavera sui pattini

Ora però mettiamo i pattini e partiamo!

La Martesana è un giro classico che attraversa alcuni paesi tra cui Cologno (da sui siamo partiti), Vimodrone e Cernusco sul Naviglio (la nostra meta), inframmezzati da campagna e ponticelli.

In tutto abbiamo percorso i primi 8 km, godendoci la fioritura dei ciliegi, i prati e i parchi in fiore e un gran traffico di ciclisti e pedoni, immancabili in questo periodo.

Per tanto se decidete di andare in solitaria prestate sempre attenzione a chi condivide con voi la ciclabile; noi eravamo in 33 e di tanto in tanto abbiamo avuto qualche difficoltà a farci largo nel traffico.

Si viaggia abbastanza bene, il fondo non è superlativo e in alcuni tratti abbiamo deciso di deviare dalla ciclabile, così prima dell'osservatorio, abbiamo superato un ponticello di ferro e abbiamo proseguito tra una cascina e un albero di pesco fiorito, poi abbiamo ripreso la ciclabile dopo il campo sportivo concedendoci un attimo di pausa fe acendo qualche foto al naviglio.

Adoro l'atmosfera che si respira lungo le vie d'acqua, si sente il gorgoglio del naviglio, il chiacchiericcio dei passanti e imbattersi in un pittore che immortala colori e profili è davvero incredibile, soprattutto se si pensa che siamo a pochissimi km dal centro di Milano.

primavera martesana

Arriviamo a Cernusco sul Naviglio in perfetto orario per una breve pausa: c'è chi si beve un po' di acqua fresca, chi decide di mangiarsi un bel gelato e chi invece ne approfitta per fare ancora qualche km in un giro ad anello.

Radunate le truppe è ora di tornare verso il parcheggio, superando qualche discesa (e paura) arriviamo alla fine di questa nuova avventura, sempre affamati e contenti!

Perchè è bello passare la domenica con Milanoskating

Ogni volta che mettiamo i pattini ai piedi per qualcuno è sfida contro se stessi, per qualcuno è un modo per passare qualche ora in compagnia, per altri è la scusa per farsi una pizza tra amici, comunque la si consideri la nostra domenica in tour è da provare.

Vuoi essere dei nostri? E' semplicissimo e hai bisogno solo: di pattini, delle protezioni (casco e tutto il resto), tanta voglia di divertirsi e della tessera MilanoSkating.

Trovi tutte le prossime destinazioni nel calendario, di volta in volta iscriviti con questo form e fatti contagiare dal divertimento!

martesana gruppo

 

FacebookTwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest
Pin It