NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscrivendoti alla newletter dichiari di aver letto e accettato l'informativa sul trattamento dei tuoi dati personali.

* indicates required

IL CONI CONFERMA : SI PUÒ PATTINARE SUL PARQUET! SFATIAMO IL MITO DEL PATTINO VS PARQUET

 

“Il pattinaggio sciupa il parquet”.
Spesso ci sentiamo dire questa affermazioni da sportivi, amministratori e genitori che non si sono ben informati. Ma la verità è un’altra. Il pattinaggio è uno sport come gli altri ed invece di avere una scarpetta ha un pattino con 4 ruote di gomma! Lo sport deve unire non dividere. Vediamo insieme di sfatare le convinzioni che danneggiano lo sport e creano queste false idee riguardo il pattinaggio in linea ed artistico.

,Grazie all'articolo trovato su ASD l'Acquario Pattinaggio e Ginnastica cerchiamo di fare un po' di chiarezza.

Pavimenti in legno per palestre

 

 

Il parquet sportivo è come quello di casa, è delicato?
Il parquet di casa è identico, ma subisce un trattamento differente che gli permette di sopportare spinte di oltre 100 Kg.
Il parquet per impianti sportivi può essere costruito con diversi tipi di legno o resine ma deve rispettare tutte le norme di sicurezza per impedire infortuni agli atleti e utilizzatori. Per renderlo sicuro, dopo la posa viene verniciato almeno 8 volte e necessita di una lucidatura protettiva lisciante, detta appunto skating, sigillante effettuata con uno strato di poliuretano, uretano, o poliacrilico che sono tutte gomme sintetiche resistenti all’acqua e facili da pulire dai segni e graffi.

Sul parquet si può fare solo pallavolo o pallacanestro?
Il parquet in base alla direttiva europea deve poter resistere alle sollecitazioni a qualunque tipo e poter permettere attività sportive come ginnastica, ginnastica riabilitativa in carrozzella, pallavolo, pallacanestro, pallamano, il pattinaggio, l’hockey, il calcio a 5 ed anche riunioni di cittadini e sportivi per avvenimenti importanti, il tutto senza mai subire danni .

E’ la ruota del pattino che fa le righe?
Spesso viene citata la ruota del pattino come imputata delle brutte righe sul parquet, ma è solo una diceria per due motivi.
Primo perché le righe non sono graffi, ma il semplice deposito di gomma dovuto alla forza dell’attrito, basta quindi ripulire la zona rigata ed avremo il parquet bello come prima.
Secondo le 4 ruote dei pattini professionali sono composte da materiale di poliuretano morbido proprio come lo è il parquet e come lo devono essere le scarpette professionali da pallavolo, pallacanestro o di altri sport.

Il parquet è più sciupato dopo che vi si fa pattinaggio?
In realtà, se si va a vedere dove è più rigato troviamo che è l’area dei tre secondi o la delimitazione del centro o il bordo, tutte zone che non sono prettamente usate dai pattinatori, che invece girano per tutto il campo.

Soluzione per non fare quelle brutte righe?
Scarpette e ruote professionali di qualità e pulizia del campo alla fine degli allenamenti per rimuovere la gomma superficiale.

Il pattino graffia il parquet?
Ora capiamo perché è quasi impossibile graffiare il pavimento in palestra.
Il pavimento di una palestra è composto da materiale legnoso elastico che deve essere certificato per una resistenza a carico rotante di almeno 150Kg di pressione! cioè 1.500 Nw/mq , ma per precauzione le aziende certificano sempre almeno il doppio o il triplo, così che possono resistere a pressioni di 300 – 500 Kg prima di deformarsi e rigarsi.
Il parquet moderno, il bamboo per esempio, può raggiungere la resistenza del ferro, quindi per poterlo graffiare in profondità è necessario l’uso di materiali ancora più duri come, acciaio, tungsteno o il corindone.Molti graffi sono dovuti all’imperizia di chi non fa sport!

Allora cos’è il graffio?
Il graffio è l’effetto dell’abrasione sulla verniciatura protettiva lisciante, facilmente riparabile con un piccolo trattamento, avete mai visto come sono lucidi i parquet dei palazzetti?
Dopo una partita di pallacanestro, di pallavolo o una gara di pattinaggio , andate a vedere le righe ed i graffi prodotti, ma dopo un’accurata manutenzione e pulizia spariscono immediatamente

Qual’è la normativa CEE?
In pratica deve rispettare la direttiva CEE sui parquet sportivi omologati CONI devono essere EN 14904 EN 13501.

Ma il CONI non ha detto mai nulla al riguardo?
Il CONI, sollecitato dalle società sportive che non vogliono i pattinatori nelle palestre, ha fatto studiare e certificare che il pattinaggio è uno sport come gli altri.

1- Certificazione CONI del 2011. Parere Coni 2011.
2- Certificazione CONI del 1993. Parere Centro Studi CONI del 1993.
• L’Attrito (EN 13036-4) : deve essere compreso tra 80 e 110 N.
• L’Assorbimento degli urti (EN 14808) : la riduzione della forza media immessa deve essere compresa tra il 25% e il 75% .
• Deformazione verticale (EN 14809) : su una forza premente non deve essere maggiore di 5,0 mm.
• La Resistenza ad un carico rotante (EN 1569): che è la forza immessa a periodi ciclici devono poter sopportare 1.500 N.
• Tutti i parquet per palestre e le pavimentazioni per lo sport devono essere certificate per sopportare un carico rotante di 1.500 N.
• Un ulteriore certificazione dimostra che non ci sono danni anche fino a 5.000 Newton di carico quindi Kg 510.

Fonti: immagine trovata su google, contenuti Coni e Federazione pattinaggio, articolo ASD l'Acquario Pattinaggio e Ginnastica.

 

FacebookTwitterGoogle Bookmarks