NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscrivendoti alla newletter dichiari di aver letto e accettato l'informativa sul trattamento dei tuoi dati personali.

* indicates required

Jeimbo

13220728 1216812784996510 4429448019625873802 o-1 

La maggior parte delle persone mi conosce come Jeimbo, sono un pattinatore aggressive e faccio parte del Team Ambassador di Roces  insieme ad altri 7 pattinatori provenienti da tutto il mondo (Stati Uniti, Norvegia, Giappone, Australia..). Adoro scoprire la città e gli ostacoli che offre cercando di sfruttare al massimo la fantasia, usando la tecnica e i trick base in modi sempre diversi. Mi piace pattinare con la mia crew Don’t Bro Me perché abbiamo instaurato un bellissimo clima di sana competizione sportiva che ci spinge sempre a superare i nostri limiti.

D: Quando hai iniziato a pattinare?

Penso di aver avuto i miei primi pattini attorno ai 4-5 anni, erano dei quad con ruote in plastica allungabili da bambino in cui infilavi il piede con tutta la scarpa. A pensarci adesso erano un suicidio!

D: Qual è la tua specialità e quando l’hai capito?

La mia specialità è ovviamente l’Aggressive. Ho iniziato a praticarlo all’età di 12 anni grazie ai miei cugini che avevano vissuto i tempi d’oro di questa disciplina alla fine degli anni ’90 e da quel momento per me avere delle ruote sotto i piedi vuol dire fare salti, grind e sognare modi sempre nuovi per sfruttare gli ostacoli.

D: raccontaci una follia fatta su 8 ruote

Per un pattinatore aggressive fare follie sui pattini è all’ordine del giorno. Una delle cose più folli che ho fatto, e che mi viene in mente in questo momento, è stato il mio last trick al Biella Inline Skating Contest del 2017. Ho grindato su una struttura del park e sono uscito in Misty Flip dal trick (per i meno esperti il Misty Flip è un salto mortale). Sono riuscito a chiudere il trick dopo qualche tentativo fallimentare ed è stata un’emozione enorme e una grande soddisfazione!

D: come hai conosciuto MilanoSkating?

Ho conosciuto MilanoSkating grazie ad alcuni amici della scena Aggressive milanese che partecipavano frequentemente agli eventi dell’associazione.

D: cosa ti piace di più nell'insegnare il pattinaggio?

La soddisfazione più grande è vedere gli allievi impegnarsi per raggiungere un obiettivo. Io mi rivedo in loro e questo mi motiva sempre di più ad accompagnarli nel loro percorso.  

FacebookTwitterGoogle Bookmarks